Offerta Agosto Settembre da 120 euro
Casa Vista mare per 4 persone

110 m²
Cucina
Vista mare
Lavatrice
Connessione WiFi gratuita
Parcheggio gratuito


Vedi info e disponibilità



Isole Eolie

dintorni, mare, bambini, natura,

isole eolie

 

L'Arcipelago eoliano è formato da sette isole o "sette Sorelle": Lipari, Salina, Filicudi, Alicudi, Vulcano, Stromboli, Panarea. Sorprendono per la diversità della loro natura, a tratti selvaggia, e dei loro colori, per la bellezza delle coste, per la ricchezza dei siti archeologici, per i fenomeni vulcanici.

Sono raggiungibili tramite traghetti e aliscafi da Milazzo o da Messina prendendo un autobus o noleggiando una macchina.

 

Alicudi

Si tratta dell’isola più ad ovest delle Eolie. Il suo antico nome, Ericusa, è dovuto al fatto che l’isola fosse ricoperta da cespugli di erica. Alicudi è un'isola incontaminata adatta a chi vuole trascorrere una vacanza fuori dal tempo e dal mondo in totale relax.

Ad Alicudi non esistono strade e pertanto non circolano né auto, né motorini. Troverete solo antiche mulattiere: pertanto o si cammina a piedi o ci si affida ai simpatici asinelli presenti sull'isola. Non ci sono negozi dove si possa fare shopping, ma troverete solo un bar un ristorante ed un hotel al porto e due negozi di generi alimentari. Il punto più alto dell’isola è il Monte Filo dell’Arpa. Affascinante è il Timpune delle femmine, la zona in cui, durante i saccheggi dei pirati, si rifugiavano donne e bambini.
Circumnavigando l’isoletta, si incontrano spiaggetta ed i cosiddetti "Perciati", grotte profonde scavate nella natura come quelle dell'Acqua e del Grottazzo; ad ovest incontriamo le particolari colonne di lava denominate Fili. Ma a colpire è soprattutto il suo mare pulitissimo e limpidissimo, oltre che molto pescoso.

 

Filicudi

Anticamente chiamata “Phoenicusa”, l'isola deve il suo nome alla fitta rete di vegetazione di felci che un tempo la ricopriva. Filicudi ha forma ovale e come le altre sorelle è di origine vulcanica. Gli antichi crateri sono tre: il Torrione, la Montagnola e Fossa delle Felci.

I principali centri abitati sono quelli del Porto, animato da ristoranti e botteghe, Pecorini mare e Val di Chiesa. Consigliata è la visita al Villaggio Preistorico di Capo Graziano, dove sono visibili i resti di una ventina di capanne risalenti presumibilmente all’Età del Bronzo. A Filicudi, inoltre, non può mancare un giro in barca alla scoperta delle numerosissime grotte di cui la più grande è quella del Bue Marino, nome derivante dal fatto che una volta qui vi trovasse rifugio la Foca monaca.
Poco distante si trova il faraglione della Canna che misura ottantacinque metri circondato da un mare cristallino così tanto amato dai subacquei per la pesca delle spugne e delle aragoste.

 

Lipari

Con i suoi 37,6 Kmq e 10.000 abitanti circa, Lipari è la più grande e popolata delle Isole Eolie ed è anche la più collegata alla terraferma e alle altre isole dell’arcipelago visitabili pure ricorrendo alle escursioni organizzate.

Dal punto di vista amministrativo, il Comune di Lipari abbraccia tutte le isole Eolie ad eccezione dell’isola di Salina. Immancabile una visita all’acropoli, il “Castello”, dove si trovano il Museo archeologico Eoliano, uno dei più importanti a livello europeo, la Cattedrale di S. Bartolomeo dedicata al Santo patrono, la chiesa di S. Caterina, la chiesa dell'Addolorata, la chiesa dell'Immacolata. Il centro di Lipari è compreso tra le insenature di Marina Lunga e Marina Corta. A Marina Lunga, nel porto di Sottomonastero, approdano le navi e gli aliscafi di linea che collegano l’isola alla terraferma e alle altre isole. Il porticciolo turistico e quello dei pescatori, invece, si trovano a Marina Corta, la più incantevole piazza delle Eolie, un vero e proprio salotto sul mare.
Lipari è attraversata da una strada che collega tra loro le principali frazioni dell’isola: Canneto, Acquacalda, Quattropani, Pianoconte dove si trova il famoso Belvedere di Quattrocchi dal quale si ha un’incantevole vista sui faraglioni e sull’isola di Vulcano. Il giro dell'isola si può fare in auto, scooter o con autobus di linea. Non può mancare una visita alla zona delle cave di pomice, magari in barca per fare un tuffo in un mare cristallino.

 

Panarea

Anticamente Hycesia, l'isola di Panarea è la più piccola delle Eolie. Sono la sua incantevole bellezza ed il suo aspetto curatissimo a renderla veramente unica a tal punto da essere diventata meta di un turismo d'elite.

E’ chiamata l’isola dei vip in quanto è frequentata da numerosissimi personaggi famosi che qui hanno costruito villa o vi arrivano in yacht. I centri abitati sono quelli di Ditella, S. Pietro e Drauto; le casette sono tutte rigorosamente bianche, ornate di fiori e quasi sempre con vista sul mare, collegate tra loro da caratteristici vicoletti tenuti come dei veri e propri gioielli.
La principale caratteristica di Panarea sta nel fatto di essere circondata da numerosissimi scogli ed isolotti: Basiluzzo, Dattilo, Bottaro, Spinazzola, Lisca Bianca, Lisca Nera, Panarelli e le Formiche. A Basiluzzo sono stati rinvenuti i resti di un’antica casa romana con pavimentazione a mosaico. Panarea ha un’importanza anche dal punto di vista storico grazie al ritrovamento di un villaggio preistorico dell’Età del bronzo a Punta Milazzese.
A Panarea, inoltre, si trovano l’incantevole baia di Cala Junco, la bellissima spiaggia della Calcara (di ciottoli) con le sue fumarole, le sorgenti termali dietro la Punta di Peppe e Maria, il Timpone del Corvo che, con i suoi 400 mt circa, è il punto più alto dell'isola e da cui è possibile ammirare una veduta mozzafiato sull’isola di Stromboli. L’isola è piena di negozi, ristoranti, alberghi, locali. I suoi vicoletti sono percorribili solo a piedi o con le caratteristiche macchinine elettriche o moto api che fungono da taxi.

 

Salina

L'isola prende il nome dal laghetto di acqua salata di Lingua dal quale un tempo si estraeva il sale per la conservazioni dei capperi e del pescato. L'antico nome greco, Didyme, “montagne gemelle”, è dato dai due rilievi dell'isola: `Fossa delle Felci´ e `Fossa dei Porri´.

Con una superficie di 26.8 Kmq, Salina per estensione è la seconda delle Eolie dopo Lipari. E’ detta l’isola verde in quanto è la più ricca di vegetazione: abbondano felci, querce, pioppi, ginestre, vigneti, cappereti.
Nella stessa isola hanno sede tre comuni: Santa Marina di Salina, Leni, Malfa che comprendono le frazioni di Pollara, Rinella, Valdichiesa e Lingua.
La produzione di vino e di capperi, esportati in tutto il mondo, costituisce il principale traino dell'economia dell’isola. A Salina si produce la Malvasia, un vino dorato dal sapore dolce e unico al mondo a tal punto da essere stata da sempre definita come il “nettare degli dei”.
I tre Comuni dell’isola sono collegati tra loro da una rete stradale che rappresenta un interessante itinerario turistico da percorrere in auto, scooter o con autobus di linea.
Meta di un moderato turismo specie nella stagione estiva, è l’isola preferita dagli amanti del trekking che possono contare su una suggestiva escursione al monte Fossa delle Felci, il più alto dell'Arcipelago, riserva naturale dal quale si può godere di un’incantevole e singolare vista su tutte le isole dell’Arcipelago e in lontananza dell'Etna; Salina, quindi, è consigliata a quanti adorano le lunghe passeggiate a contatto con la natura e la tranquillità. Non può mancare una visita alla stupenda spiaggia di Pollara, famosa frazione dell’isola perché qui sono state girate le scene del film " Il Postino " di Troisi, dove è possibile visitare anche la casa in cui sono avvenute le riprese.

 

Stromboli

Stromboli, anticamente Strongyle (la rotonda), è la più ad est delle isole Eolie. E' un'isola magnifica dalla natura selvaggia, conosciuta in tutto il mondo per la presenza di un grande vulcano ancora attivo. Dai tre coni attivi fuoriescono lapilli e il magma che si riversa lungo la Sciara del Fuoco fino a finire a mare.

Di notte i suoi bagliori rossi si vedono a grandissima distanza e per questo lo Stromboli è stato da sempre considerato il "faro naturale del Tirreno".
I centri abitati, Ficogrande, Piscità, S. Vincenzo e Ginostra, si trovano alle falde del vulcano, nella zona nord-orientale. Ginostra è un piccolo ed incantevole borgo che conta circa 30 abitanti, raggiungibile solo dal mare. Stromboli è unica per le bellissime spiagge dalla sabbia nera, per le numerose calette, per il suo mare blu profondo e limpidissimo.
La scalata del vulcano dà luogo a sensazioni uniche ma è anche abbastanza impegnativa; ci si impiega circa 3 ore e comunque conviene farsi accompagnare da una guida autorizzata. Ad un miglio circa dalla costa a nord-est di Stromboli, si trova l’isolotto di Strombolicchio, che misura circa 50 mt e dalla cui cima, raggiungibile da una ripida scaletta scavata nella roccia, si può godere di una vista davvero singolare.

 

Vulcano

E' l’isola più vicina a Milazzo, separata da Lipari da un canale di circa 3 miglia. Anticamente chiamata Hiera che vuol dire “sacra” in quanto ritenuta dimora del Dio Efesto, poi Thermessa che significa “calda”, affascina per i suoi colori, le rocce rosse, gialle, violacee e bluastre per lo zolfo, l’allume e gli ossidi ferrosi.

L'isola è composta da quattro edifici vulcanici: Lentia, Vulcano Piano, Vulcanello e Fossa di Vulcano. L'unico attivo è quello Fossa, denominato “grande cratere”, la cui ultima eruzione tuttavia risale al 1888/90: da allora esso è in fase “fumarolica”. Molto frequentata dai turisti, soprattutto in estate, sia per le sue bellezze naturali ma soprattutto per la presenza di acque e fenomeni termali. La famosa pozza dei fanghi, nella Baia di Levante, è frequentatissima per il suo elevato valore terapeutico (cura di otiti, sinusiti, riniti, reumatismi e artrosi). Unica è la Baia di Ponente, per la sua spiaggia di sabbia nerissima e finissima, con le sue acque calde per la presenza di gas.
Consigliate sono le escursioni a Vulcanello, a Capo Grillo, al cratere da cui si può ammirare una vista unica al mondo su Vulcanello, i porti di Levante e Ponente, Lipari e Salina. Non può mancare un giro in barca con soste alla Grotta del Cavallo, a Vulcano Gelso e alle Grotte dell'Allume. Vulcano è ben collegata alle altre isole dell'Arcipelago; sull'isola si trovano negozi, ristoranti, alberghi, noleggi barche, auto e tutti i servizi utili ad una permanenza confortevole.

 

Percorso nella mappa

http://maps.google.it/maps?f=q&source=s_q&hl=it&geocod...e&sll=41.442726,12.392578&sspn=15.143349,33.837891&ie=UTF8&z=9&saddr=giardini+naxos&daddr=isole+eolie

 

Maggiori info: http://www.infoeolie.it

 

Galleria di immagini per isole Eolie

gallery id=105



Condividi

Seguici su



Newsletter

Ricevi offerte, eventi, info selezionati per te via email.
*  Email:
    Nome:

Meteo

Percorsi consigliati

Una raccolta di percorsi che puoi seguire da giardini naxos
Gole dell' Alcantara
Catania
Siracusa
Agrigento
Taormina
    Seguici su Twitter


      Powered by persefone.it